Participate Translate Blank profile picture
Image for YouthCan, il riscatto della gioventù tunisina                              

YouthCan, il riscatto della gioventù tunisina                              

Published on

PoliticaEuromed ReporterEuromed Reporter Tunisi

Il problema principale della Tunisia? Creare un futuro per i suoi giovani. È anche il compito che si è prefissata YouthCan, un'organizzazione che cerca di unire e formare le nuove generazioni al di là delle differenze ideologiche. Una sfida impossibile?

"A Cité Et­ta­d­ha­menNo". Il tas­si­sta si ri­fiu­ta di rag­giun­ge­re l’ag­glo­me­ra­to ur­ba­no si­tua­to nella zona pe­ri­fe­ri­ca di Tu­ni­si, fa­mo­so per la sua po­ver­tà e mar­gi­na­li­tà. Nel gen­na­io 2014 que­sta area è stata og­get­to di forti agi­ta­zio­ni. I ma­ni­fe­stan­ti hanno bru­cia­to pneu­ma­ti­ci per bloc­ca­re l’ac­ces­so alle stra­de e la po­li­zia ha do­vu­to ri­cor­re­re ai gas la­cri­mo­ge­ni per di­sper­de­re la folla.

Un altro taxi ac­cet­ta di con­dur­ci in que­sto luogo. Le stra­de si riem­pio­no di fango, la pelle e i resti degli ani­ma­li in ven­di­ta sono ap­pe­si al­l’en­tra­ta delle ma­cel­le­rie. Cen­ti­na­ia di per­so­ne vanno avan­ti e in­die­tro e si sie­do­no nei nu­me­ro­si bar e nelle sale da tè. Ha­fe­dh Oue­led Saad aspet­ta a un in­cro­cio. Ha 23 anni e non ha an­co­ra tro­va­to la­vo­ro da quan­do è tor­na­to a Tu­ni­si.  Ci offre del caffè e qual­che be­van­da fre­sca. Ci ac­co­mo­dia­mo in una stan­za piena di di­va­ni bian­chi e do­ra­ti. Ha­fe­dh co­min­cia a rac­con­tar­ci per­ché ha de­ci­so di emi­gra­re il­le­gal­men­te in Ita­lia nel 2011.

L’e­co­no­mia che ar­ran­ca e un fu­tu­ro ine­si­sten­te per i gio­va­ni: sono que­ste le prin­ci­pa­li mi­nac­ce che si trova ad af­fron­ta­re il suo Paese in quel­la che è una tran­si­zio­ne verso una de­mo­cra­zia ef­fet­ti­va. Sono pas­sa­ti 3 anni da quan­do Ben Ali è scap­pa­to in Ara­bia Sau­di­ta, ma i nuovi po­li­ti­ci non sono stati ca­pa­ci di tro­va­re una so­lu­zio­ne ai pro­ble­mi so­cia­li. Sono trop­po vec­chi e non ca­pi­sco­no i pro­ble­mi della gio­ven­tù. È que­sto che pen­sa­no i mem­bri di You­th­Can, una nuova or­ga­niz­za­zio­ne senza alcun orien­ta­men­to po­li­ti­co che ha rac­col­to oltre 25.000 firme in poco più di un mese. Il suo obiet­ti­vo è chia­ro: so­ste­ne­re i gio­va­ni tu­ni­si­ni tra i 20 e i 35 anni, af­fin­ché ot­ten­ga­no po­te­re de­ci­sio­na­le nelle isti­tu­zio­ni, qual­sia­si par­ti­to o ideo­lo­gia di­fen­da­no.

Un futuro in­cer­to

"Non ve­do­no alcun fu­tu­ro. Stu­dia­no ore su ore, e poi? È que­sta in­cer­tez­za che li porta nelle mani di chi li vuole sem­pli­ce­men­te ma­ni­po­la­re. Lo spi­ri­to di You­th­Can è ren­der­li co­scien­ti del pro­prio po­ten­zia­le e della ne­ces­si­tà di agire!", spie­ga Mehdi Gue­b­zi­li, mem­bro fon­da­to­re del­l’or­ga­niz­za­zio­ne. Lui e Besma Mha­m­di, la pre­si­den­te di You­th­Can, sie­do­no all'Étoi­le Du Nord, una mo­der­na caf­fet­te­ria-bar-li­bre­ria che si trova nel cen­tro di Tu­ni­si. È qui che You­th­Can ha or­ga­niz­za­to la sua prima riu­nio­ne: se al­lo­ra erano sol­tan­to in 70, oggi l’or­ga­niz­za­zio­ne conta più di 4.500 mem­bri su Fa­ce­book; ne fanno parte anche per­so­ne pro­ve­nien­ti dall’Ita­lia, dalla Fran­cia, dalla Ger­ma­nia e dal Regno Unito. "You­th­Can è nata alla fine del 2013 – spie­ga Besma – nel corso di ciò che è stato chia­ma­to il 'Dia­lo­go Na­zio­na­le' [l’ex Primo mi­ni­stro, Ali Laa­raye­dh, si era di­mes­so e i po­li­ti­ci non riu­sci­va­no a met­ter­si d’ac­cor­do per no­mi­na­re un nuovo capo del go­ver­no, nda.]. La gente era molto fru­stra­ta. Noi ab­bia­mo dato spe­ran­za e ot­ti­mi­smo in un mo­men­to in cui tutto stava crol­lan­do".

I gio­va­ni tu­ni­si­ni at­tra­ver­sa­no tempi in­cer­ti. Nel 2011 hanno dato l’av­vio alla Pri­ma­ve­ra araba e sono ri­ma­sti in prima fila nelle stra­de quan­do Ben Ali ha sguin­za­glia­to i suoi fran­chi ti­ra­to­ri. Se­con­do l’ONU, i tu­ni­si­ni con meno di 24 anni rap­pre­sen­ta­no il 40% della po­po­la­zio­ne na­zio­na­le e tra loro la di­soc­cu­pa­zio­ne è pari al 30%. Non im­por­ta se si pos­sie­de un ti­to­lo di stu­dio uni­ver­si­ta­ri, o meno: "Il 40% dei lau­rea­ti non ha un la­vo­ro, ri­spet­to al 24% di chi non pos­sie­de alcun ti­to­lo", ri­fe­ri­sce il World Eco­no­mic Forum. Inol­tre, i gio­va­ni sono com­ple­ta­men­te esclu­si dalle isti­tu­zio­ni. Come af­fer­ma Mehdi: "So­prat­tut­to per i gio­va­ni, l’As­sem­blea Na­zio­na­le Co­sti­tuen­te è stata una de­lu­sio­ne per­ché non si è par­la­to di nulla: non co­no­sco­no i pro­ble­mi che ab­bia­mo a cuore!".

You­th­Can è un’or­ga­niz­za­zio­ne nata da poco. Non ha uf­fi­cio e la mag­gior parte del la­vo­ro si svol­ge on­li­ne, dove il mo­vi­men­to è nato in ma­nie­ra spon­ta­nea. "Bas­sem Bou­guer­ra ha con­di­vi­so il pro­prio cur­ri­cu­lum su Fa­ce­book of­fren­do­si di aiu­ta­re il Mi­ni­ste­ro degli In­ter­ni. L’ho visto e l’ho con­tat­ta­to, come hanno fatto anche altri", ri­cor­da Besma, prima di con­ti­nua­re: "Sa­pe­va­mo di non voler for­ma­re un par­ti­to po­li­ti­co tra­di­zio­na­le". Il suo è un obiet­ti­vo a lungo ter­mi­ne, ma non c’è tempo da per­de­re. Il primo giro di boa sono le ele­zio­ni po­li­ti­che pre­vi­ste per la fine del 2014200 can­di­da­ti si pre­pa­re­ran­no in­sie­me a loro: "Gio­va­ni che ri­ce­ve­ran­no una for­ma­zio­ne su come si parla in pub­bli­co, su come pre­sen­tar­si e su come tro­va­re fi­nan­zia­men­ti", di­chia­ra la pre­si­den­te.

I mem­bri di You­th­Can si tro­va­no in tutto il paese. Ya­zi­di Boul­be­ba è uno di loro. Vive a Si­lia­na, una pic­co­la città ru­ra­le tu­ni­si­na. Un di­plo­ma in Fi­si­ca e Chi­mi­ca non è ba­sta­to a que­sto gio­va­ne di 28 anni per tro­va­re la­vo­ro. Era iscrit­to a un par­ti­to po­li­ti­co, ma quan­do ha avuto la pos­si­bi­li­tà di unir­si a You­th­Can, non ci ha pen­sa­to due volte. "La ri­vo­lu­zio­ne l’han­no fatta i gio­va­ni e per 3 mo­ti­vi pre­ci­si: di­gni­tà, li­ber­tà e la­vo­ro. La li­ber­tà è fon­da­men­ta­le, ma non ci può es­se­re di­gni­tà senza la­vo­ro", rac­con­ta. Gli piace l’i­dea di You­th­Can di for­ma­re nuovi po­li­ti­ci e ri­tie­ne che que­sta or­ga­niz­za­zio­ne possa av­vi­ci­na­re i gio­va­ni alla po­li­ti­ca. "Lo spero per­ché oggi vi­via­mo un boi­cot­tag­gio po­li­ti­co da parte dei gio­va­ni", di­chia­ra. A Si­lia­na la po­ver­tà avan­za: "C’è sol­tan­to una fab­bri­ca nella pro­vin­cia e i pro­dot­ti che col­ti­via­mo ven­go­no la­vo­ra­ti in altre città". Di con­se­guen­za molta gente si tra­sfe­ri­sce nelle zone eco­no­mi­ca­men­te più at­ti­ve come Tu­ni­si. "L’al­ter­na­ti­va è l’e­stre­mi­smo e il ter­ro­ri­smo. Quasi tutti i ter­ro­ri­sti pro­ven­go­no dalle aree più po­ve­re del Paese", con­clu­de Ya­zi­di.

Esilio o terrorismo

In real­tà anche il cen­tro di Tu­ni­si si sta svuo­tan­do men­tree le pe­ri­fe­rie della ca­pi­ta­le cre­sco­no: le stra­de cao­ti­che di Cité Et­ta­d­ha­men ne sono la di­mo­stra­zio­ne. Tut­ta­via, anche qui i gio­va­ni hanno un fu­tu­ro in­cer­to. "Nel bar ac­can­to po­trai tro­va­re altre 20 o 25 per­so­ne che hanno ten­ta­to di an­da­re in Ita­lia", spie­ga Ha­fe­dh. Lui, dopo es­se­re sbar­ca­to a Lam­pe­du­sa, è riu­sci­to ad ar­ri­va­re in Sviz­ze­ra, ma il suo sogno eu­ro­peo è fi­ni­to quan­do non hanno ac­cet­ta­to la sua ri­chie­sta d’a­si­lo e lo hanno ri­spe­di­to a casa. La spe­ran­za che ca­rat­te­riz­za­va la ri­vo­lu­zio­ne è lon­ta­na. Ha­fe­dh rac­con­ta: "Io non si­gni­fi­co nien­te per que­sti po­li­ti­ci e loro non si­gni­fi­ca­no nien­te per me. Non credo che la si­tua­zio­ne sia mi­glio­ra­ta". Ha in pro­gram­ma di im­pa­ra­re l’i­ta­lia­no per poter la­vo­ra­re in un call cen­ter, "ma non penso che mi pa­ghe­ran­no bene". La prima volta che è an­da­to via da Tu­ni­si ha speso 1.500 di­na­ri (circa 725 euro). "Se oggi aves­si di nuovo l’op­por­tu­ni­tà, lo farei di nuovo".

 – Que­sto re­por­ta­ge fa parte della serie di ar­ti­co­li del pro­get­to Eu­ro­med-Tu­ni­si, finanziato dalla Fondazione Lindh e realizzato grazie al partenariato con iWatch Tunisia –

Translated from Youthcan, El turno de la juventud tunecina                  

loading...