Participate Translate Blank profile picture
Image for Soupe à l'Union : in Slovacchia, la via verso l'astensione

Soupe à l'Union : in Slovacchia, la via verso l'astensione

Published on

RawaudioBruxelleslatest

In questa puntata di Soupe à l'Union - la prima nel suo genere in tutta la storia di Cafébabel - ci dirigiamo verso la Slovacchia, giovane membro dell'UE, eurofila, ma anche eurotimida. Gli abitanti della regione della Žilina ci raccontano la loro Europa.

A seguito delle ultime elezioni europee del 2014, la situazione sembra chiara: gli Slovacchi votano poco. Anzi, peggio: sono quelli che votano di meno in tutta l'Unione Europea. Euroscetticismo o cultura dell'astensione? La seconda tornata delle elezioni presidenziali ha visto solamente il 40% degli Slovacchi recarsi alle urne. Un evento mai visto nel paese, simbolo di un popolo che non crede più nella propria politica. Alla vigilia delle prossime elezioni europee che si terranno a maggio, abbiamo voluto interrogare di nuovo la Slovacchia riguardo al suo rapporto con l'Europa.

Se guardiamo più attentamente, l'Unione Europea dal canto suo sembra essersi impegnata in Slovacchia: in particolare, ha finanziato l'autostrada D3 che collega il paese alla Polonia. Se il progetto ha come obiettivo quello di migliorare la circolazione su strada e il benessere degli abitanti, la sensazione che si ha sul posto risulta più contrastante. Abbiamo voluto parlare con Lenka, Matej e Sylvester, che ci hanno raccontato di loro, dell'Europa, delle loro famiglie, e delle strade.

E per tutti coloro che sono amanti della Francofonia, buon ascolto !


In collaborazione con Bulle Média

Foto di copertina : (cc)monikasmigielska/pixabay

Leggi anche : « Cafébabel inventa il suo primo podcast sulle Europee »

Translated from Soupe à l'Union : en Slovaquie, la route de l'abstention

loading...