Participate Translate Blank profile picture
Image for “Riutilizzare i beni non è importante, è fondamentale!” (1/3)

“Riutilizzare i beni non è importante, è fondamentale!” (1/3)

Published on

Editors PickImpact

"Passaggio di proprietà: quando la società civile italiana si insedia nella mafia" è la serie di Cafébabel sui cittadini che reinvestono i beni della criminalità organizzata confiscati dai tribunali. Come e perché creano progetti per il bene comune in luoghi che in passato hanno fatto gli interessi della mafia? In questa prima parte della nostra indagine, faremo un reportage nell'hinterland napoletano.

Quando si cammina per le strade di Casal di Principe, ci si sente rinchiusi. Le strade sono dritte e strette, i muri di cinta le sovrastano e sembra che si siano dimenticati di creare dei marciapiedi. Non c'è quasi più verde, solo il grigio del cemento.

Di tanto in tanto, tra le case, appare un terreno libero coperto di erba alta, dove, in fondo, si trova lo scheletro di un edificio a più piani incompiuto e abbandonato. Sotto il sole cocente di luglio, si scorge la sagoma di un lavoratore africano che zigzaga regolarmente sulla sua bicicletta, probabilmente diretto al minimarket, dopo aver lavorato duramente dall'alba nei campi circostanti.

Vent'anni fa, le famiglie mafiose napoletane controllavano questo territorio. Presenti nella maggior parte degli strati dell'economia, hanno plasmato il paesaggio con la loro influenza. Questa miscela di urbanismo anarchico, cemento, progetti immobiliari incompiuti, ambizione architettonica egocentrica e paranoia è la loro eredità.

Non c'è nulla di bello da vedere a Casal di Principe. Questo è ciò che si pensa quando si arriva in questa cittadina di 22.000 abitanti. Ma è qui che, forse, si sta svolgendo uno degli esperimenti sociali più interessanti degli ultimi anni in Italia. Siamo nel cuore del territorio della Gomorra. È qui che è nato il nome, ripreso dal giornalista Roberto Saviano** per il suo best seller sulla Camorra.

È stato il parroco di Casal di Principe a trovarlo: Don Peppe Diana. Quello di cui si vede il volto sorridente quando si entra in città. Il prete assassinato. Si potrebbe quasi dire: colui che ha dato inizio a tutto.

La Casa Don Diana
Un cartello di benvenuto all'ingresso di Casal di Principe rende omaggio a Don Peppe Diana, accompagnato dallo slogan "Uniti nella legalità, si cresce". © Mathilde Dorcadie

Nel cortile di Casa Don Diana c'è movimento: è un giorno importante. Nonostante le restrizioni sanitarie, quasi 200 persone sono venute a partecipare a una cerimonia per celebrare l'impegno cittadino antimafia, questo 4 luglio 2021. Numerose personalità locali e nazionali sono presenti in questo luogo, che più di ogni altro simboleggia la lotta contro la presa dei poteri mafiosi sul territorio, sull'economia e sulle menti.

Con il suo aspetto da tempio romano, le sue colonne e il suo timpano, l'edificio bianco era, in un passato non molto lontano, la casa di un sottocapo clan. Confiscato dai tribunali nel 1998 e abbandonato per dieci anni, l'edificio è stato prima trasformato, tra il 2005 e il 2007, in un centro di accoglienza temporanea per minori, gestito dalla Provincia di Caserta.

La Casa Don Diana
Casa Don Diana ospita il Museo della Resistenza alle Mafie e ospita il Festival dell'Impegno Cittadino. © Mathilde Dorcadie

Ma la sua vera rinascita è avvenuta nel 2015, quando è diventato un centro pedagogico-culturale e un museo, dedicato alla memoria delle vittime innocenti della mafia. Tra questi, il sacerdote del paese, ucciso nella sua chiesa nel 1994, perché la sua volontà di mobilitare gli abitanti contro la camorra non piaceva a quest'ultima.

Da allora, molte cose sono cambiate a Casal di Principe. Gli eredi di Don Diana si ritrovano a decine, con una presenza di polizia sommaria, tra le mura della villa di un mafioso per festeggiare i loro successi. Tra questi, circa 78 esempi di "riutilizzo sociale " di beni confiscati alla criminalità organizzata, nella provincia di Caserta, a nord di Napoli, che nel 2021 contava circa 1717 beni confiscati. Nel solo comune di Casal di Principe ce ne sono attualmente 25.

La Casa Don Diana
L'edizione 2021 del festival dell'impegno civico, che si tiene ogni anno il 4 luglio, anniversario della nascita di Giuseppe Diana. © Mathilde Dorcadie

1996: la legge che cambia tutto

Per capire a che punto siamo arrivati in questa regione, ma anche nel resto d'Italia, è necessario tornare un po' indietro nella storia della lotta antimafia italiana.

Nel 1982, la legge Rognoni-La Torre ha modificato il codice penale e ha permesso alla giustizia di sequestrare preventivamente i proventi illeciti dei criminali, in particolare di quelli sospettati di associazione mafiosa. Era un periodo di omicidi e, sotto la pressione popolare e mediatica, i mezzi di giustizia furono rafforzati, i giudici istruttori aprirono fascicoli in massa e i tribunali cominciarono a confiscare migliaia di proprietà: ville, edifici, magazzini, fattorie, ecc.

Lo Stato si ritrova proprietario di tutto questo (quasi 100.000 proprietà ad oggi), senza sapere bene cosa farne. Solo i beni mobili di valore (automobili, macchine utensili, opere d'arte, ecc.) vengono rivenduti. La società civile teme che le famiglie mafiose possano, ad esempio attraverso dei nominati, recuperare i loro vecchi proprietari terrieri. Inoltre, chi sarebbe così avventato da voler comprare e trasferirsi nella casa di un boss in prigione?

Lo Stato deve gestire migliaia di terreni ed edifici, spesso non occupati e in stato di degrado.

Allo stesso tempo, i movimenti antimafia stanno diventando più strutturati. Hanno riunito attivisti di associazioni, imprenditori sociali, correnti progressiste della Chiesa, rappresentanti politici, giornalisti, magistrati, ecc. Nel 1995 è nata la coalizione di associazioni Libera, che ha lanciato una campagna nazionale per chiedere, attraverso la raccolta di firme di sostegno, una legge che permetta di destinare i beni confiscati a progetti di interesse pubblico.

Solo pochi mesi più tardi, l'Italia ha adottato questo strumento giuridico, il 7 marzo 1996, con la legge 109/96. "Non si tratta di una "donazione" da parte dello Stato con l'assegnazione dei beni, ma semplicemente della restituzione alla società civile di beni il cui valore è equivalente alla quota di sviluppo economico e sociale che le reti criminali hanno sottratto alla società", spiega la sociologa italiana Elisabetta Bucolo nel suo libro "Antimafia, una storia di solidarietà". Associazioni e cooperative contro la criminalità".

Vennero così stabiliti i principi filosofici dell'uso pubblico e sociale dei beni confiscati, attorno a due assi: la riparazione morale e lo sviluppo economico e sociale. Ma tutto era ancora da costruire. Sebbene molto sia già stato fatto e sperimentato, ad oggi questo processo è ancora in corso, dal sud al nord della penisola italiana. Coinvolge migliaia di persone ogni giorno, che credono che i cittadini abbiano i mezzi per agire al fine di ridurre l'economia illegale e la paura nella mente delle persone.

(Ri)costruire

Cosa si può fare con i beni ex-mafiosi? L'esperienza italiana mostra che ci sono molti esempi diversi: a Roma, un centro di accoglienza per apprendisti, una sala concerti; a Castel Volturno, una cooperativa di mozzarelle; a Genova, un'officina per la riparazione di biciclette, case popolari; a Ercolano, vicino a Napoli, una radio antimafia; a Casal di Principe, una stazione di polizia, scuole, un centro di assistenza per disabili, ecc.

Più di 1.000 comuni italiani hanno immobili sequestrati dai tribunali e messi a loro disposizione.

Al di là degli aspetti simbolici, il riutilizzo dei beni confiscati ha anche una funzione molto pragmatica che consiste nel "sostenere e ampliare un gran numero di missioni di servizio pubblico e di assistenza sociale, in un'ottica di sviluppo del territorio", spiega Mauro Baldascino, docente, attivista e consulente dei Comuni su questo tema, nella regione di Caserta. È uno strumento che fornisce soluzioni concrete agli abitanti.

Mauro Baldascino
Mauro Baldascino © Mathilde Dorcadie

I progetti nascono nelle zone limitrofe a questi luoghi e sono spesso l'incontro tra un bisogno e un'opportunità. Se guardiamo più da vicino, possiamo notare che spesso c'è un legame con storie molto personali: un padre che cerca soluzioni di supporto per il figlio autistico, i vicini che vorrebbero un parco comunale per i loro figli, una parrocchia o un'associazione che vorrebbe dei locali per ampliare le proprie attività di beneficenza, ecc. Ci sono anche persone più militanti che vogliono gestire progetti di sensibilizzazione (un centro culturale, una stazione radio) o progetti di imprenditoria sociale per offrire alternative economiche legali, spesso a persone lontane dal mondo del lavoro.

Ma tutto questo non avviene senza il sostegno delle autorità pubbliche. A livello nazionale, i beni sono gestiti dall'ANBSC (Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità, creata tardivamente, nel 2010).

Le autorità territoriali (regione o comune) possono richiedere che il bene confiscato sia affidato loro in gestione. E sono loro a metterli a disposizione dei responsabili dei progetti, siano essi associazioni o imprese, o a utilizzarli per creare i propri servizi pubblici (scuole, biblioteche, stazione di polizia). Viene stipulato un contratto di locazione, solitamente tra i 3 e i 5 anni, a volte anche di più. In linea di principio, non c'è un affitto da pagare, ma solo le spese. Questo rappresenta un vero e proprio vantaggio per il flusso di cassa delle associazioni o delle finanze pubbliche locali.

Quando studiamo gli esempi di uso pubblico e sociale dei beni confiscati in Italia, è sorprendente vedere come ognuno di essi abbia una storia diversa di erogazione. Dipende innanzitutto dalla natura dell'immobile, che va da una villa lussuosa a uno spazio commerciale trasformato in magazzino, da un terreno agricolo di alta qualità a un appartamento malandato utilizzato per la prostituzione e il traffico di droga. Potrebbe essere in cattivo stato di manutenzione perché è stato abbandonato o saccheggiato dal precedente proprietario, furioso per essere stato espropriato.

A volte il condannato vive ancora lì dopo la decisione del tribunale! Inoltre, la motivazione dei dirigenti pubblici a sostenere questi progetti è fondamentale.

Maison Confisquée
La casa di un condannato per associazione mafiosa distrutta dal suo ex proprietario, a Casal di Principe. Il Comune, che ha recuperato le chiavi, vuole costruirvi una scuola. © Mathilde Dorcadie

Una comunità alternativa alla mafia

Renato Natale è un veterano della lotta antimafia. Il sindaco di Casal di Principe ha ricevuto più volte minacce di morte nel corso della sua lunga carriera di politico e attivista antimafia. A 71 anni, ha assistito all'ascesa della violenza camorrista negli anni '80, alla corruzione e agli assassinii.

La Camorra esisteva da un secolo, rubava, intimidiva, ma i suoi membri erano isolati dalla società, emarginati. Nella seconda metà degli anni Settanta cambia, inizia a interessarsi di politica e di droga. Infonde il tessuto politico ed economico.

Bureau de Renato Natale
Renato Natale, sindaco di Casal di Principe, conserva nel suo ufficio i ricordi del suo attivismo. © Mathilde Dorcadie

Lui, il medico comunista ma credente che combatte la mafia dalla fine degli anni '70, si allea con il servitore della Chiesa, don Diana, per denunciare la violenza. È stato segnato dalla morte di un uomo innocente, catturato in una sparatoria nel 1991. Da quel momento in poi, ha fatto della lotta alla mafia una lotta continua. Le nostre due strategie erano parallele. Il mio a livello politico e il suo a livello di animazione sociale.

Renato Natale, membro del Partito Comunista Italiano dal 1976, è stato eletto sindaco per la prima volta nel 1993.

È stata la naturale conseguenza del mio impegno politico", spiega l'uomo, che è stato anche segretario della sezione di Casal di Principe.

Ma l'esperienza è stata di breve durata. Avendo il clan locale dei "Casalesi " infiltrato nel consiglio comunale, fu privato del suo mandato, poco dopo l'assassinio di Giuseppe Diana. "Avevano pianificato di farmi morire in un finto incidente stradale, ma non sono riusciti a portare a termine il piano. Così hanno deciso per una morte politica".

ENCADRE

Impegnato con Libera, ha partecipato alla campagna per ottenere la legge sull'USBC. Nel 2000 ha partecipato al primo riutilizzo sociale di un bene confiscato a Casal di Principe: l'Università per la Legalità e lo Sviluppo, un centro di educazione popolare (ora chiuso).

Tornò alla poltrona di sindaco dal 2014 e l'USBC divenne una delle priorità del suo mandato (e poi del secondo, dopo la sua rielezione nel 2019). "È uno degli strumenti fondamentali per combattere il crimine. Ne avete bisogno per costruire una comunità alternativa alla mafia".

Tina Cioffo
Tina Cioffo © Mathilde Dorcadie

Pur rifiutando di essere considerato un eroe per il suo impegno nel rendere l'USBC una realtà esemplare nella regione, tutti gli attori locali attestano che il sostegno delle autorità comunali è stato indispensabile per accompagnare il movimento cittadino.

La giornalista Tina Cioffo si occupa da anni di notizie sui beni confiscati. Testimonia che le cose sono, ad esempio, molto meno avanzate a Casapesenna, un paese vicino a Casal di Principe. "Casapesenna non ha il riscatto, la riabilitazione di altre città. È una città chiusa, ancora controllata", aggiunge: "Riutilizzare i beni non è importante, è fondamentale! Permette di costruire una comunità sana, etica e solidale attraverso il riutilizzo sociale e quindi un'economia che sarebbe un antidoto all'economia criminale".

Per continuare, episodio 2 sur l’impact de l’usage social des biens confisqués à la mafia._].


Questo articolo è l’ultimo della nostra serie, "Passaggio di proprietà: quando la società civile italiana si insedia nella mafia".

Questo progetto è stato realizzato in collaborazione con il ricercatore Fabrice Rizzoli nell’ambito di un progetto di ricerca [COESO] ](https://coeso.hypotheses.org/)(Collaborative Engagement on Societal Issues) un punto di incontro tra le scienze umane e sociali e le ricerche partecipative. COESO è coordinato dalla [Scuola di studi superiori in scienze sociali] (https://www.ehess.fr/fr) finanziato dal programma di ricerca europea Horizon 2020.

Per maggiori informazioni sul backstage:

https://usbc.hypotheses.org/

Foto di copertina: Renato Natale, maire de Casal di Principe, en juillet 2021. © Mathilde Dorcadie

Translated from « Réutiliser les biens, ce n’est pas important, c’est fondamental ! » (1/3)