Participate Translate Blank profile picture
Image for Quando internet non c'era: le 10 professioni impossibili 10 anni fa

Quando internet non c'era: le 10 professioni impossibili 10 anni fa

Published on

A marzo, il quotidiano inglese The Guardian ha elencato, tra i tanti lavori impossibili solo dieci anni fa, "zumba teacher" e "app designer". L'avvento dell'era di internet, la filosofia del lavoro sostenibile e l'esigenza di condizioni più flessibili, hanno dato vita a un panorama professionale decisamente più creativo, am anche più realistico. Tuttavia, l'eventualità di laurearsi all'età di 21 anni e inviare un CV per diventare un "social media manager" lascia non pochi dubbi sul rischio di sfiorare il ridicolo nella scena lavorativa attuale. Un panorama per immagini e titoli dei nuovi lavori del Duemila. Per prendere spunto. O no.

Online Community Manager/ Social Media Strategist

Con la "promozione" dei blog a social network e il ruolo sempre più preponderante della cultura digitale nelle nostre vite, il "management" è diventato inevitabilmente una delle "skill" (per restare in tema di anglicismi) più richieste negli anni Duemila, dato confermato dal podio dei cinque lavori impossibili solo un decennio fa elencati dal Guardian. Nonché dal Community Manager Appreciation Day, istituito dal 2012.

(Foto: (cc) johnwilliamsphdJohn Williams/ Flickr)

SEO Specialist

Basta dare un'occhiata ai nuovi lavori più richiesti in Europa nel 2012 per avere la conferma che per lavorare nel web non basta più sapersela cavare con il pacchetto Office e Outlook. Per mettere alla prova le vostre abilità nel campo della ottimizzazione, indicizzazione e altri suffissi simili, c'è anche un quiz apposito. 

(Image : (cc) Ghostboy/ Renato Guerreiro/ Flickr)

Ministero per l'Identità Nazionale

L'ex presidente francese Nicolas Sarkozy è stato eletto nel 2007 sbandierando, in modo eccessivamente sospetto, la sua "tolleranza" verso il melting pot culturale nella sua douce France. Tuttavia, ha malamente portato a termine il suo mandato con le più sentite scuse per il controverso "Ministero per l'Immigrazione, l'Integrazione, l'Identità nazionale e lo sviluppo in Francia", nato nel 2010. Nella foto, una parodia del suo ministro Brice Hortefeux, mentre ostenta oroglioso le sue origini: "Brice da Nice".

(Foto: (cc) blogcpolitic/ Flickr)

Mystery Guest

L'avanzata della crisi in Europa negli ultimi anni non ha (ancora) avuto la meglio sulla tendenza a viaggiare dei giovani europei, ma sono sempre di più coloro che vogliono assicurarsi di spendere bene i propri soldi prima di prenotare un hotel o un volo o anche un semplice ristorante. Ecco allora la figura del Mystery Guest, alias il lavoro dei sogni per non pochi viaggiatori incalliti. Cosa fa un Mystery Guest? Presto detto: fingersi ospite o cliente medio e testare in prima persona difetti e virtù delle strutture turistiche in giro per il mondo.

(Foto: (cc) Tinker*Tailor loves Lalka/ Flickr)

Carbon Emissions Expert

Gli esperti in sostenibilità, ecologia e commercio solidale sono coloro che sussurrano all'orecchio di compagnie e imprenditori affinché prestino attenzione alla propria impronta ecologica. Nuove professioni nascono a sostegno dell'economia verde, specchio non solo di un cambiamento su scala globale, ma anche di una tendenza crescente nelle scelte di tutti i giorni: per esempio, avete mai immaginato un lavoro che vi permetta di organizzare un funerale eco-sostenibile? In Spagna è già una realtà.

(Foto: (cc) Oxfam International/ Flickr)

Primo marito

Il primo ministro donna in Europa è stata Margaret Thatcher. Pur avendo cercato a lungo, non abbiamo trovato alcun articolo, trafiletto o lancio d'agenzia che identificasse il so partner come "primo marito". Nel frattempo, però, in Germania, è così che è stato soprannominato il marito di Angela Merkel (che, inoltre, è un fisico quantico). In Lituania, inoltre, paese noto per aver avuto due donne primo ministro e un'attuale presidente donna, la first lady è chiamata "pirmoji ledi". Da qui la freddura secondo la quale il "primo marito" dovrebbe chiamarsi "pirmasis ledas", che suona come 'lady' ma significa 'ghiaccio'. Humor baltico.

(Foto: (cc) Downing Street/ Flickr)

Cloud Engineer

Etichettato come una vera e propria rivoluzione digitale, il "cloud computing" permette a software e piattaforme dati di essere separati e identificati per l'appunto com "cloud services", espressione coniata, secondo wikipedia, tra il 2007 e il 2009, in modo tale da ottimizzare tempi e spazi del web. Ingegneri sulle nuvole cercasi. 

(Foto: © Shutterstock)

Trend Analyser

L'idea del "Cool Hunter", letteralmente "cacciatore di tendenze", nata nei primi anni Novanta, è stata raggiunta sul finire del decenio dalla figura del "Personal Shopper". Un eventuale erede dei due potrebbe essere il "Trend Analyser", interpretato da Rashida Jones (foto a destra) nel film "Celeste and Jesse Forever" (2012, non arrivato in Italia). Sebbene analisi e statistiche siano sempre esistiti riguardo a economia, tempo e news, adesso si avverte sempre di più il bisogno di qualcuno che analizzi per noi la moda e gli ultimi arrivati della tecnologia. Sbagliare i-Phone sarebbe imperdonabile. 

(Foto: © Celeste and Jesse Forever)

Wedding/Baby Planner

Dire che pellicole come "The Wedding Planner" con Jennifer Aniston e altre commedie d'amore all'americana non abbiano avuto un ruolo nella crescita di tali professioni sarebbe omettere un dato significativo. Cosa sarebbe un film come "Il padre della Sposa" senza un eccentrico organizzatore di matrimoni dall'allure europea? Qualcosa non molto lontana da une pièce di Shakespeare senza un giullare di corte. Il "baby planner", figura emersa nel 2006, sembra invece essere stato direttamente nato e cresciuto in Europa. In fondo, chi non vorrebbe un consulente a disposizione per scegliere passeggini, biberon e tutine? 

(Image: (cc) dangerismycatRyan James/ Flickr)

'Bomeur'

"Bomeur" è un'invenzione linguistica nata in terra di Francia dalla fusione di "bourgeois", il borghese chic inconfondibilmente francese, e "chomeur", vale a dire disoccupato. Qualcuno potrebbe dire che "è un lavoro anche non avere un lavoro" di questi tempi. Di conseguenza non sono in pochi a inventarsi una qualifica, solo per non lasciare vuoto lo spazio nella propria pagina facebook, dando libero sfogo alla fantasia, sfiorando il ridicolo e il surreale, con titoli alquanto improbabili da "creative thinker", a "travel maker" fino al coraggioso "nomadic creative adventurer".

(Illustration: © Henning Studte http://www.studte-cartoon.de/)

Translated from Ten European jobs that didn’t exist ten years ago (10 images)

loading...