Participate Translate Blank profile picture
Image for Madrid: come si combatte la disoccupazione a Vallecas?

Madrid: come si combatte la disoccupazione a Vallecas?

Published on

ExperienceMadridExperience home

Quando parliamo della generazione millenials, tendiamo a pensare che tutti i giovani abbiano le stesse opportunità. Ma come vanno le cose a Vallecas, il distretto con il più alto tasso di disoccupazione giovanile a Madrid? Per scoprirlo, abbiamo visitato La Kalle, un'associazione culturale impegnata ad aiutare i giovani con meno risorse e opportunità a trovare la loro strada.

Per la serie YoTambien facciamo un'immersione nelle cinque tematiche dello Yo!Fest in occasione dell'evento EYE2018, il più grande festival politico europeo dedicato alle giovani generazioni. Si tratta delle questioni più importanti del nostro tempo per i giovani. Iniziamo con la rivoluzione digitale.

"Ieri abbiamo detto ai ragazzi tramite WhatsApp di venire a fare qualche foto e, come vedi, lo hanno preso abbastanza sul serio", ha detto Arancha, uno degli educatori di La Kalle, un'associazione culturale di Madrid con sede a Vallecas. Dal 1986 aiuta giovani tra i 16 ei 30 anni senza risorse o con situazioni personali complicate. Luis, un altro educatore sorride e si morde il labbro quando si rende conto che uno degli studenti sta correndo attraverso il corridoio con i jeans e una felpa in mano. Ha appena indossato un lungo abito estivo. È Katy, 21 anni, una delle studentesse della formazione dove, attraverso un negozio di abbigliamento improvvisato in classe, imparano a vendere, a gestire gli ordini e a trattare con i clienti. Nulla suggerisce che non sia un'altra adolescente. Ma se è qui oggi, è perché gli assistenti sociali ritengono che la sua situazione personale la metta sull'orlo dell'esclusione sociale. Emigrò dalla Colombia con sua madre e i suoi fratelli in modo da poter essere libera e decidere della sua vita, dal momento che né suo padre né l'opinione pubblica del suo paese la ritenevano in grado di intendere e di volere. Nel suo passaporto appare il nome di un ragazzo. Ma non sarà per molto.

Vallecas, in realtà, non è solo un quartiere. In effetti, è così grande che occupa due dei ventuno distretti che formano Madrid (Puente de Vallecas e Villa de Vallecas). Qui, a poche fermate da Plaza del Sol, vivono 339.035 persone, più che ad Alicante, e quasi come a Bilbao. È una mini città all'interno di Madrid (3.231.000 abitanti) con la sua squadra di calcio, il Rayo Vallecano e la TV locale, Tele K, che trasmette in chiaro dal 1992. Il quartiere storico è culla dell'integrazione, prima negli anni '60 con le famiglie da altre province spagnole e ora con immigrati di origine straniera (marocchini, rumeni ed ecuadoriani, soprattutto). La realtà di questo povero distretto del sud di Madrid dimenticato dalle politiche pubbliche e devastato dal crimine e dall'eroina, è cambiato molto. Ma si sa come vanno queste cose. Gli stereotipi e la "cattiva reputazione" sono iiereditati di generazione in generazione, specialmente se la tua famiglia è una classe lavoratrice. I più danneggiati da questo? I giovani. Nel marzo 2018, dei 179.406 disoccupati registrati a Madrid, 27.051 vivono a Vallecas. Tra quelli sotto i 30 anni, l'8,62% non ha un lavoro. È la percentuale più alta di Madrid.

"A Vallecas ci sono sempre state persone povere e nulla è stato fatto, e i politici non hanno tenuto conto di questa realtà", dice Gonzalo, un membro del management team di La Kalle. "Le persone qui dicono ancora che stanno andando a Madrid quando si trasferiscono nel centro della città." Attraverso gli occhi di questo cileno che vive a Madrid da 16 anni sono passate molte storie di giovani al limite, quindi sa bene quale sia una priorità e cosa no. "I politici dovrebbero scendere un po 'sulla Terra, tutte le offerte che l'Europa offre, come l'Interrail, la giovane carta, gli scambi, l'Erasmus ... stanno tutti molto bene, ma sono destinati a un gruppo che non è la maggioranza. Come possiamo mandare i nostri figli a uno scambio se non conoscono l'inglese? "Un altro problema arriva, secondo lui, quando i donatori specificano in anticipo il progetto e il profilo degli studenti a cui sono destinati i fondi, senza tener conto la vera necessità locale. "Abbiamo ricevuto finanziamenti dalle istituzioni europee. Questi sono inviati al Ministero della Pubblica Istruzione, che a sua volta lo consegna alla Comunità di Madrid e poi lo assegna ad un fondo sociale incaricato di indire un concorso al quale dobbiamo presentare il nostro progetto. Alla fine? Tra le centinaia che vengono presentate, ne viene scelto solo uno ".

Non ridete, siamo seri Ognuno è già dentro l'aula in cui viene normalmente insegnata la microinformatica. Ci sono otto ragazzi e cinque ragazze. Ma oggi la lezione sarà diversa. Uno dei suoi colleghi, Asser, ha preparato una presentazione per loro. "Questo è serio, quindi niente risate, ho intenzione di parlarvi della guerra in Siria", dice senza esitazione con un bel accento arabo, con la serietà di qualcuno che sembra aver parlato in pubblico per tutta la vita. Nonostante i suoi 18 anni, sembra più vecchio, ma il berretto nero che porta indietro ci riporta al presente. All'improvviso, tutti tacciono. "Siamo venuti dalla Siria perché non potevamo essere lì, vivevamo tra i morti e abbiamo persino sofferto la scomparsa di alcuni dei nostri cugini", ha detto Asser. A differenza di lui, che è arrivato con la sua famiglia in aereo dalla Turchia, dopo che suo padre era andato in esilio a Madrid un anno prima, Mohammad e Amin, due giovani siriani presenti anche qui oggi e molto più introverso di quanto non facesse da solo e Ancora oggi non sanno cosa ne sarà di loro nel giro di un mese. Nel 2015 gli Stati membri si sono impegnati a trasferire 160.000 rifugiati insediati in Italia e in Grecia. La Spagna ha dovuto prendersi cura di 17.337 persone, ma lo scorso 26 settembre 2017, scaduto il termine, aveva ricevuto solo l'11% di quanto promesso, secondo Intermón Oxfam. E mentre gli uffici di Asilo e Rifugio crollano, il numero continua a salire. Nel 2016 sono state ricevute 3.069 richieste di asilo dal popolo siriano. Ma non sono i più numerosi. Davanti a loro ci sono i venezuelani, un totale di 4.196 persone in cerca di dignità, pace e una vita migliore.

È tempo di ricreazione e tutti vanno in strada a fumare, guardano il loro cellulare, mangiano uno spuntino o parlano. Sono seduti sul pavimento. Vedo che Mohammed e Amin non parlano molto con il resto. Forse sono timidi o stanchi. Ma la principale barriera che li separa non è culturale ma linguistica. Entrambi hanno iniziato gli studi universitari in Siria e parlano molto bene l'inglese, ma lo spagnolo lo sta ancora imparando. "Abbiamo viaggiato dalla Siria al Libano, poi in Algeria, in Marocco e infine a Melilla, dove ci siamo incontrati, dove dopo aver passato 43 giorni nel campo profughi in pessime condizioni siamo stati trasferiti a Madrid e ad Almeria. sulla strada per l'Europa, I in Germania - racconta Amin - e Mohammed in Olanda ". Dopo diversi mesi di disgrazie, le autorità li hanno costretti a tornare in Spagna poiché, secondo la Convenzione di Dublino, i rifugiati devono gestire la procedura di asilo nel primo paese europeo che raggiungono.

"Tornare a trovarci qui è stata l'unica cosa positiva che ci è capitata negli ultimi mesi", dice Amin, 29 anni. Ogni mattina lasciano l'ostello dove vivono temporaneamente, vanno a La Kalle per studiare la microinformatica e nel pomeriggio vanno in un centro CEAR (Commissione spagnola di aiuto ai rifugiati) dove mangiano, imparano lo spagnolo e dimenticano per un po 'che la loro nuova vita Non è come il resto "Ora speriamo solo che ci capiti qualcosa di buono", dice Mohammed, che nonostante i suoi 18 anni ha uno sguardo stanco che sembra aver superato la sofferenza di tutta l'umanità. Secondo la legge spagnola, l'amministrazione deve rispondere ai richiedenti entro una media di 6 mesi. Ma questi due giovani sanno che molte persone hanno aspettato più tempo. Nonostante tutto, quando chiedo loro se si preoccupa di far loro una foto, non sono d'accordo. Anche loro sorridono. "Puoi inviarcelo più tardi?"

"Va bene sognare, però bisogna imparare a tenere i piedi per terra"
Chi non è così fanatico dei ritratti è Mustafa, un sociologo di 22 anni della Guinea Conakry che è rimasto dentro durante la pausa. La prima cosa che penso di vederlo è che è un ragazzo serio che non vorrà parlarmi. È molto alto Bello anche. Potrei essere una modella, ma immagino che non rientri nei loro piani. Ho notato che lui guarda molto il mondo. Ma a differenza del resto, chi urla, ride e monta bulla, parla solo quando gli viene chiesto. Nel 2016 ha provato a saltare la recinzione di Ceuta, un doppio muro di ferro e una concertina lunga 8 chilometri e alta 6 metri che separa il Marocco dalla Spagna. È, insieme a quello di Melilla, l'unico confine terrestre in Europa con il continente africano. "L'ho provato ma non riuscivo a capirlo, ecco perché ho attraversato il mare e sono arrivato a Granada in barca, sono cose che non si possono dire perché sono molto difficili"

La sua idea era di raggiungere la Francia, ma vedi "l'uomo propone e Dio dispone", aggiunge. In quel momento un altro educatore si avvicina e lo rimprovera, sebbene con affetto, di non essere più critico nei confronti di tutto ciò che gli è successo. "Non puoi dire che l'accoglienza è stata buona quando sei entrato in una barca, le persone normali viaggiano in aereo, in treno, in autobus e hai giocato la tua vita." Mustafa annuisce ma non entra nei dettagli. "Non ho avuto una vita facile e tutto quello che voglio è che sia tranquillo, con un lavoro, una situazione legale e una piccola casa". Non sa che può anche avere una casa grande, se vuole. "Sì, sognare va bene, ma a volte devi imparare a moderare i tuoi desideri."

Quando i media parlano della generazione millenaria e degli alti e bassi economici che dobbiamo affrontare, spesso dimentichiamo che in questo presunto gruppo di indie dipendenti dai social network, amanti dell'economia condivisa, iperconnessi, esistenzialisti e multilingue viaggiatori, non siamo tutti uguali. Sebbene in Spagna ci sia un dato che ci identifica, quello del 36% della disoccupazione giovanile, non tutti hanno studiato o vissuto all'estero, non tutti hanno il sostegno finanziario delle loro famiglie e non tutti trovano un modo per canalizzare il proprio piani. .

Una generazione omogenea? "Anche se la vita ti rende difficile, puoi sempre andare avanti", dice Lorena, una ragazza madrilena di 20 anni con molte labbra nate a Malaga e che da 12 anni vive in centri giovanili perché sua madre ha altre cose farle prendere cura di lei e dei suoi fratelli. Se non fosse venuto da lei, quella frase sarebbe sembrata una provocazione, ma lascia che Lorena dica che mi conforta. Ti senti diverso dal resto? "Io no, ma ci sono sempre stati molti pregiudizi, tu dici che sei una ragazza che viene protetta dalla comunità di Madrid per non avere risorse, e le persone stanno già iniziando a fare le proprie ipotesi." Che cosa hai fatto?

Gli altri sono già partiti ma lei sta fumando, non ha fretta. E da quello che vedo, parlare lo fa sentire bene. "Non ho dovuto fuggire dalla guerra, come Asser, ma so cosa vuol dire ripartire da zero ancora e ancora in un posto dove non vuoi essere, è molto difficile." Con "20 anni" non ha mai viaggiato fuori dalla Spagna. Ma lo amerebbe. Dove ti piacerebbe andare? "Non lo so ... la verità è che non ho mai smesso di pensarci". Lorena ha ancora tempo. Per quello e studiare criminologia, il suo grande sogno. Anche per ricordare che nel mondo non viviamo da soli. "Prima di tutto devi sapere come condividere le cose", aggiunge. "Non è la stessa cosa che mangi una chuch da solo per mangiarla tra le quattro". Rido e poi penso meglio: "Beh, dipende dalle dimensioni del chuche, ovviamente".


Cafebabel è media partner dello Yo!Fest, il festival politico per giovani generazioni organizzato dall' European Youth Forum che mescola dibattiti politici a workshop e musica live e performance. Il festival è ancora una volta organizzato nell'ambito dell'European Youth Event - EYE2018 presso il Parlamento europeo di Strasburgo. Il #EYE2018 offre un'opportunità unica per 8000 giovani europei per far sentire la propria voce e dare una nuova visione dell'Europa. Questa serie esplora le cinque tematiche al centro dei cinque eventi: Keeping up with the Digital Revolution, Staying Alive in Turbulent Times, Working out for a Stronger Europe, Protecting our Planet and Calling for a Fair Share. Seguite EYEeYo!Fest sui social media! __ Vuoi scrivere per Cafébabel? Mandaci la tua idea qui.

loading...