Participate Translate Blank profile picture
Image for Sul binario degli scioglilingua, la passione dei belgi per il Bel Paese 

Sul binario degli scioglilingua, la passione dei belgi per il Bel Paese 

Published on

Cultura

Al Tea­tro Het Klo­khuis di An­ver­sa è ap­pro­da­to "Bi­na­rio 2", spet­ta­co­lo de­li­ca­to, se­le­zio­na­to al To­ri­no Frin­ge Fe­sti­val e vin­ci­tore del Pre­mio Off Roma Frin­ge Fe­sti­val. La sce­neg­gia­tu­ra stu­dia­ta da La Dante ce­le­bra­ una pas­sio­ne: quel­la dei fiam­min­ghi per la lin­gua, la sto­ria ed i pae­sag­gi d'I­ta­lia che ora vi rac­con­tia­mo.

La sce­neg­gia­tu­ra in lin­gua ori­gi­na­le è giun­ta con qual­che mese di an­ti­ci­po, prima che "Bi­na­rio 2: sotto la panca la capra crepa" prodotto da Etérnit di Pasquale Passaret­ti e Luigi Morra ar­ri­vas­se fi­nal­men­te il 24 e 25 marzo al Tea­tro Het Klo­khuis. Una per­fo­man­ce de­li­ca­ta, che segue la scia dei ri­cor­di d’un in­so­li­to ca­po­sta­zio­ne, ap­pas­sio­na­to di scio­gli­lin­gua. Fin da su­bi­to l’at­to­re cerca una forma di dia­lo­go con il pub­bli­co: eb­be­ne quel­lo di An­ver­sa ha enor­me­men­te sor­pre­so per la sua par­te­ci­pa­zio­ne, in tutti i sensi. E ora sco­pria­mo come mai uno spet­ta­co­lo in lin­gua ita­lia­na ha così tanto emo­zio­na­to i fiam­min­ghi.

In ef­fet­ti, il testo è ap­pro­da­to nelle scuo­le de La Dante, cir­co­lo di An­ver­sa, gra­zie al­l’in­cre­di­bi­le la­vo­ro del do­cen­te Emi­lia­no Bia­gio Man­zil­lo, ita­lia­no emi­gra­to da un­di­ci anni, tra­dut­to­re, fo­to­gra­fo e re­gi­sta. È stato il cu­ra­to­re del pro­get­to, riu­scen­do a coin­vol­ge­re circa due­cen­to per­so­ne, do­cen­ti di cin­que clas­si di al­lie­vi dei corsi se­ra­li di lin­gua ita­lia­na. Una pas­sio­ne tra i belgi che, come ve­dre­mo, va oltre il sem­pli­ce eser­ci­zio di ap­pren­di­men­to, ma si spin­ge fino ad­di­rit­tu­ra ad in­vo­glia­re ta­lu­ni a com­pra­re case e mas­se­rie nel Sud Ita­lia. E altro an­co­ra.

Un'idea originale

L’i­dea è stata quel­la di sof­fer­mar­ci sullo stu­dio e la sco­per­ta degli scio­gli­lin­gua", ha spie­ga­to Man­zil­lo, "in que­sto modo ab­bia­mo stu­dia­to il testo in clas­se in­te­res­san­do­ci so­prat­tut­to alla pro­so­dia della lin­gua ita­lia­na, quin­di  av­vi­ci­nar­ci al pezzo. Ma poi ab­bia­mo tro­va­to degli scio­gli­lin­gua in nee­ra­len­de­se ed an­co­ra in altre lin­gue, quali l’a­fri­cans, il te­de­sco, il fran­ce­se, il ru­me­no, il russo, il por­to­ghe­se. Un modo lu­di­co per sco­pri­re i punti di con­tat­to e le di­ver­gen­ze fra le lin­gue”.

E si sono di­ver­ti­ti ter­ri­bil­men­te, tanto che ne è ve­nu­ta fuori una re­gi­stra­zio­ne di otto mi­nu­ti per una ven­ti­na di scio­gli­lin­gua, con la quale si è de­ci­so d’a­pri­re lo spet­ta­co­lo; quan­to a quel­li in fiam­min­go in­ve­ce, sono stati in­te­gra­ti nella per­for­man­ce, re­ci­ta­ti dal­l’at­to­re, man­dan­do let­te­ral­men­te in esta­si il nu­tri­to pub­bli­co belga. Ec­co­ne al­cu­ni:

"Ik mix mijn whi­sky met een whi­sky mixer" (Mi­schio il mio whi­sky con un mixer per whi­sky)

"Als apen apen na-apen, dan apen apen apen na" (Se le scim­mie scim­miot­ta­no le scim­mie, al­lo­ra le scim­mie scim­miot­ta­no).

Italia, che passione

Le scuo­le se­ra­li, molto po­po­la­ri nelle Fian­dre ed in tutto il Bel­gio, as­si­cu­ra­no un  buon li­vel­lo d’i­stru­zio­ne, nel no­stro caso del­l’i­ta­lia­no, una lin­gua poco uti­liz­za­ta nel mondo in­ter­na­zio­na­le del bu­si­ness e del la­vo­ro. Al­lo­ra ci siamo chie­sti da dove de­ri­vas­se la passione dei belgi.  A ri­spon­de­re sono stati di­ret­ta­men­te loro.

Ma­thil­da, 53 anni, di An­ver­sa, ha com­pra­to casa in Pu­glia due anni fa e passa in Ita­lia al­me­no sei mesi l’an­no. “Ho co­min­cia­to a stu­dia­re l’i­ta­lia­no a ven­tan­ni, poi ho ri­pre­so da qual­che anno, quan­do mio ma­ri­to mi ha pro­po­sto di com­pra­re una bel­lis­si­ma casa in Pu­glia. Per­ché? Non sa­prei spie­gar­lo, ma credo che alla base ci sia la pas­sio­ne per la cul­tu­ra e la bel­lez­za dei pae­sag­gi del­l’I­ta­lia. La gente poi è tanto sim­pa­ti­ca, ab­bia­mo già tanti amici lag­giù, can­tan­ti, poeti, pit­to­ri che ani­ma­no le no­stre se­ra­te”.

Ma an­co­ra piu’ ecla­tan­te è il caso di Kris, una pit­tri­ce che si reca re­go­lar­men­te ad Ir­si­na, in Ba­si­li­ca­ta, per par­te­ci­pa­re in qua­li­tà di do­cen­te a dei corsi di pit­tu­ra in­ter­na­zio­na­li che il co­mu­ne or­ga­niz­za du­ran­te l’e­sta­te. E con lei vi è un tutto un grup­po di belgi che pas­sa­no le va­can­ze al Sud.

Cosi sco­pria­mo che gli stra­nie­ri viag­gia­no e animano la cul­tu­ra in Ita­lia, men­tre molti ita­lia­ni scel­go­no di emi­gra­re. Quel­li che re­sta­no? Al­cu­ni si danno da fare, altri un po’ meno. Ed in Bel­gio sanno anche que­sto.

loading...